Ushiro ryōkatadori kokyūnage e zenpōnage

2020-03-26

Ushiro ryōkatadori kokyūnage

nell' esame del 2° kyu

kokyūnage (呼吸投げ, proiezione respiro)
usare la propria mano per guidare la mente di uke

Ushiro ryōkatadori zenpōnage

nell' esame del 2° kyu

zenpōnage (前後投げ, proiezione avanti)
fare in modo che la mente di uke vada su una delle sue braccia e la segua fino a terra

Koichi Tōhei

Koichi Tōhei (20.01.1920 – 19.05.2011), è stato un artista marziale giapponese, 10º Dan di aikidō e fondatore della Ki Society (Ki no Kenkyūkai) nonché della sua scuola di aikidō, ufficialmente chiamata Shin Shin Toitsu Aikidō (che letteralmente significa "aikido con mente e corpo unificati"), ma comunemente chiamata Ki-Aikidō.
Da ragazzo Tohei era delicato e cagionevole. Per questo, suo padre gli fece intraprendere lo studio del judo. A causa di una pleurite decise di sostituire lo studio del judo con la meditazione zen ed esercizi misogi. Dopo la guarigione dalla pleurite, Tohei si convinse che furono i suoi sforzi nell'allenamento della mente e lo sviluppo del suo ki ad aiutarlo a guarire e a rimettersi. Quindi riprese lo studio del Judo, ma Tohei voleva di più.
Nel 1940, all'età di 19 anni, il suo istruttore di Judo, Shohei Mori, consigliò a Tohei di incontrare il fondatore dell'Aikido, Morihei Ueshiba. Secondo lo stesso Tohei, la prima volta che incontrò un istruttore di aikido e lo vide praticare alcune tecniche nel dojo di Ueshiba, ebbe qualche dubbio riguardo l'aikido e il suo valore per lui. La sua opinione però cambiò quando Ueshiba entrò nel dojo e iniziò a eseguire le sue tecniche con l'istruttore. Tohei non fu totalmente convinto fino a quando Ueshiba gli chiese di salire sui tatami e di afferrarlo. I tentativi di Tohei furono vani, e dopo questa dimostrazione di Ueshiba, Tohei chiese subito di iscriversi. Tohei continuò comunque ad allenare sia il suo corpo che la sua mente con la meditazione e il misogi.

Ki no Kenkyūkai

Tohei praticò con Ueshiba per sei mesi prima di essere mandato in rappresentanza per insegnare alla scuola Shumei di Okawa e all'accademia della polizia militare.
Nel 1953, Tohei fu mandato alle Hawaii per diffondere l'aikido.
Nel 1969, Ueshiba chiese a Tohei di accettare il grado di 10º dan.
Dopo la morte di Morihei Ueshiba nel 1969, suo figlio Kisshomaru Ueshiba ereditatava il titolo di Dōshu, mentre Koichi Tohei era il capo istruttore dell'Hombu Dōjō, il quartier generale dell'Aikikai.
A causa delle differenze nell'insegnamento dell'Aikido, nel 1971 fondava la Ki No Kenkyukai e il 1º maggio 1974 Koichi Tohei lasciò ufficialmente l'Aikikai.
Dal 1977 Kenjiro Yoshigasaki divenne il rappresentante della Ki no Kenkyukai in Europa.
Dopo la morte di Koichi Tohei nel 2011, suo figlio Shinichi Tohei divenne capo della Ki no Kenkyukai in Giappone, che oggi si chiama Shin Shin Tōitsu Aikidōkai.

L'insegnamento di Tohei

Dopo la seconda guerra mondiale Tohei studió con Tempu Nakamura, che insegnava il pensare positivo (positive thinking) e l'unione di mente e corpo (shin shin tōitsu dō).
Tohei ha quindi formulato quattro principi di base, che sono stati successivamente completati da una serie di sotto-principi:

  1. Mantenere il punto
  2. Rilassarsi completamente
  3. Mantenere il peso al di sotto
  4. Estendere il Ki

Un approccio comune in classe era la frase "There is something wrong" ("C'è qualcosa che non va"). Quindi mostrò come gli studenti potevano migliorare la loro comprensione e la esecuzione delle tecniche.
Tohei era famoso per i suoi test di Ki come il "braccio impiegabile" o il "corpo insollevabile". Quello che all'inizio per molti sembrava incredibile si è rivelato possibile con la pratica regolare.

Tipico di Tohei era tra l'altro

  • un chiaro ritmo nelle tecniche
  • effettuare salti per praticare l'Aikido con Uke di alta statura o difficili da muovere
  • l'esigenza che Uke debba essere guidato - guidando sua mente -, per cui di solito indicava la direzione con le dita.