Bokken

木剣ぼっけん

2020-09-28

Bokken per l'addestramento

Il Bokken (木剣 = spada di legno) è una replica della spada giapponese (日本刀 Nihontō). È usato per esercitarsi in Aikidō, Jōdō, Iaidō e Kenjutsu. In Giappone il nome Bokutō (木刀 = katana di legno) è più comune. Il Bokken è stato sviluppato principalmente per ridurre il rischio di lesioni durante l'addestramento. Inoltre, la spada di metallo è costosa e più delicata e può essere facilmente danneggiata durante la pratica. Il Bokken può essere utilizzato anche come un'arma. In un combattimento, una vera spada può ferire e procurare tagli anche fatali, il Bokken può provoca ferite contundenti oppure ossa rotte, cioè situazioni meno letali.

Combattimento con Bokken

Scene dal film Zatoichi 2003
Un ronin che combatte solo con il Bokken - probabilmente ha già dovuto vendere la sua vera spada (shinken 真剣) - sfida una scuola di spada. La sequenza mostra come utilizzare il Bokken come arma.
Il ronin è alto e forte e usa il Bokken senza pietà. Il legno resiste al carico meccanico. I samurai della scuola di spada sono chiaramente inferiori nella lotta con il Bokken.

Forme di Bokken

Esistono molte forme diverse di Bokken, che differiscono per dimensioni e peso. Ogni scuola di spada ha sviluppato il proprio Bokken per le proprie esigenze. Esiste un cosiddetto Bokken standard dal 1950. È stato sviluppato dalla All Japan Kendō Federation in collaborazione con il maestro artigiano Aramaki. Questa forma è usata principalmente nel Kendō, Iaidō e Aikidō. Le vecchie scuole (Koryū 古流) del Kenjutsu, che esistevano già prima della Restaurazione Meiji, continuano a utilizzare le loro forme speciali.

Bokkenformen

Tipi di legno

Il legno per il Bokken proviene tradizionalmente dalla quercia giapponese. Akagashi è la quercia rossa e Shirakashi è la quercia bianca. Questo legno garantisce la necessaria stabilità meccanica anche a pieno contatto ed è consigliato per gli Aikidoka. A causa dell'estetica, oggi vengono utilizzati anche altri legni, che differiscono quindi per peso e stabilità e possono essere notevolmente più costosi. D'altra parte, le merci sfuse in legno a basso costo sono rivestite con vernice trasparente in modo che il grado di essiccazione non cambi, il che porterebbe alla deformazione. Il legno inadatto si scheggia e si rompe facilmente.

legno per Bokken

Bokken in forma standard: A - Akagashi, B - Shirakashi, C - Iso no ki. A destra vedi altri tipi di legno.

Aikiken

Gli esercizi con il Bokken in Aikido si chiamano anche Aikiken.
Questi esercizi sono stati sviluppati da Morihei Ueshiba nel suo dojo a Iwama dal 1942. Si dice che egli sia stato ispirato dal Kashima Shinto Ryu.
Morihiro Saito ha assunto la gestione dell'Iwama Dojo dopo la morte di Morihei Ueshiba. Ha diviso in tre livelli il programma di insegnamento per Aikiken. Primo, suburi, questi sono movimenti di taglio di base (non sono kata); secondo, awase, questi sono esercizi di armonizzazione con un partner che è anche armato; e terzo, kumitachi.
Anche altri rami dell'Aikido hanno incorporato le tecniche della spada nel loro insegnamento, ma sotto l'influenza di altre scuole del Kenjutsu.

Bokken Misogi

Nell'Aikikai Hombu Dojo sotto la guida di Kisshomaru Ueshiba, tuttavia, c'è stato poco lavoro con il Bokken. Kisshomaru era stato addestrato da suo padre in un momento in cui egli sconsigliava di esercitarsi con le armi e istruiva i suoi studenti ad esercitarsi solo "a mani nude".
Quindi è nata una discussione se l'Aikiken - come l'Aikijo - dovesse essere una parte essenziale dell'Aikido.
Ci sono foto di Morihei con Kisshomaru in cui vengono usati Bokken e Jo. Tuttavia, questi dovrebbero essere esercizi di misogi.

Pratica con il Bokken

Aikiken

Nel Ki Aikido, gli esercizi con il Bokken sono parte integrante dell'allenamento e del programma d'esame, nelle forme Hitoriwaza e Kumiwaza. Sono stati originariamente sviluppati da Koichi Tohei e codificati in quattro Taigi (nomi alternativi tra parentesi).

  • Taigi 25: Ken-gi 1 (Bokken 1)
  • Taigi 26: Ken-gi 2 (Bokken 2)
  • Taigi 29: Tachi-uchi (Kumitachi)
  • Taigi 30: Shinken
Solo il Taigi 29 prevede un partner (Kumiwaza, più precisamente Kumitachi), gli altri tre Taigi fanno parte di Hitoriwaza (esercitarsi da soli). Nel Taigi 22 Tachi-dori (Bokkendori) Uke utilizza il Bokken e Nage è "a mani nude". I video vecchi di questi Taigi sono disponibili qui.

Doshu Yoshigasaki ha completamente rivisto e sviluppato questi esercizi e le tecniche. Gli esercizi di base insegnano come muovere correttamente il Bokken; essi prevedono anche i colpi di base. Questi esercizi sono inclusi nel programma d'esame per il 2° e il 1° Kyu. Il 1° Kyu prevede anche il vecchio Bokken 1 (Hitoriwaza) con il nome di Happogiri.

  • Tsuzukiwaza 27: Bokken 1 (Happogiri con partner)
  • Tsuzukiwaza 28: Bokken 2 con partner
  • Tsuzukiwaza 29: Kumitachi (Kumitachi 1)
  • Tsuzukiwaza 30: Shinken con partner (Kumitachi 2)
Queste forme sono ora state tutte rielaborate per essere Kumiwaza. Anche lo Tsuzukiwaza 23 Bokkendori è stato ampliato. In tutti questi esercizi il Bokken viene utilizzato quale sostituto della spada di metallo e non quale arma di legno come nel Bokkenjutsu e nel videoclip in cima a questa pagina.
Il Bokken è anche usato nel misogi (Hitoriwaza). Supporta la coordinazione e la respirazione.


Zatōichi - il samurai cieco 2003

Inizio del film
Nel 19° secolo in Giappone, il cieco massaggiatore itinerante Zatōichi arriva in un villaggio di montagna. Dietro il suo aspetto innocuo si nasconde uno spadaccino spietato. Il villaggio è governato da un clan criminale. Zatōichi si schiera dalla parte degli oppressi. Il giovane Rōnin Hattori, che lavora per il clan in qualità di assassino (per prendersi cura della moglie malata) è costretto ad affrontare Zatoichi e ne seque una battaglia decisiva.
Zatoichi è un personaggio popolare nei racconti dei samurai giapponesi con molte serie TV e alcuni film. Vale la pena di vedere questo film di Takeshi Kitano.

TOITSU.DE