Tagliare e spaccare

2020-08-31

La pratica con il bokken sviluppa il coordinamento del corpo. Questo è utile anche per alcune attività quotidiane. In rete circolano video che danno l'impressione che la scherma sia l'arte alta da cui derivano le attività inferiori. I seguenti esempi mostrano le relazioni.


Spaccare la legna

La scena di "The Hidden Blade" mostra il samurai di basso rango Munezo, che ha appena avuto una spiacevole conversazione con un samurai di alto rango cioè un ufficiale amministrativo. Torna a casa e vede la sua cameriera Kie fare piccoli trucioli. Spiega a Kie come si potrebbe fare meglio.
"Mia madre non ti ha insegnato come si taglia il legno a pezzi, vero?"
"È solo che non ho abbastanza forza" (Kie è stata malata per qualche tempo).
"Divarica le ginocchia, tieni forte il legno diritto di fronte a te. Non alzare il legno per aria. Solleva la roncola, prendi la mira e riportala giù. Tieni il manico morbidamente, poi porta il peso indietro.

L'attrezzo utilizzato è un coltello per tagliare la legna: in giapponese nata (鉈). Corrisponde ad un attrezzo che in tedesco ufficialmente si chiama Hippe, billhook in inglese e roncola in italiano. Esistono numerose varianti di nomi regionali in tutti e tre i Paesi. L'attrezzo non viene utilizzato solo per tagliare il legno, ma anche, ad esempio, per tagliare piccoli rami (coltello da vite).
Domande:
1. Il metodo di Kie è davvero così inadequato?
Questo metodo è perfetto per trucioli fini, poiché riduce al minimo il rischio di lesioni. Il nata non è adatto per tagliare pezzi di legno di grandi dimensioni, nel qual caso è necessario utilizzare un'accetta o una scure. Nel film si vedono interi corti tronchi di legno in basso a sinistra. Questi tronchi sono troppo grossi per il nata. Per la dimostrazione, il samurai impiega un lungo pezzo, che ha un diametro piccolo perché è già dimezzato.
2. La posizione accosciata ha senso?
Quando il ceppo è così basso, non c'è altro modo. Quindi essere accosciati è una posizione stabile. Sarebbe meglio un ceppo di circa 70-80 cm di altezza per poter lavorare in piedi.
3. Il metodo del samurai è più semplice?
No, perché richiede una maggiore coordinazione del corpo, soprattutto quando si lavora con una mano. Ma questo si può imparare. A lungo termine, il metodo del samurai richiede meno forza ed è quindi più efficace. Il rischio di ferirsi è maggiore perché si può colpire oltre oppure il legno può saltare via.
4. Occorre essere esperti con la spada per essere in grado di tagliare correttamente il legno?
No. Artigiani tradizionali come falegnami, carpentieri, muratori, fabbri, ecc. hanno sempre ottimizzato i loro movimenti - rilassati e inviando Ki - anche senza conoscere l'arte della spada.
Chi pratica Aikido tenendo in considerazione gli aspetti salutistici, presta attenzione ai movimenti fisiologicamente corretti che non richiedono sforzi inutili e sono tuttavia efficaci. Questa esperienza è utile quando occorre tagliare la legna, senza averlo mai fatto prima.

nata

Da sinistra: (A) accetta nata - (B) una selezione di roncole in un negozio in Piemonte - (C) accetta, attrezzo a una mano - (D) scure, a due mani. A seconda della forma del cuneo, gli attrezzi sono più adatti per il taglio oppure per la spaccatura.
Attenzione: non confondere la scure con l'ascia.


Tagliare alberi

Parte 1: un albero viene abbattuto con una motosega.
Dal film del 2011 "Kitsutsuki to ame".
Parte 2: un giovane inizia a tagliare un albero con una scure. È mancino, quindi tiene la scure nella mano destra e lascia che il manico scivoli attraverso la mano sinistra.
Spaccare la legna e abbattere gli alberi è come usare la spada contro un singolo avversario che non reagisce nemmeno. I movimenti sono simili. L'accetta è usata con una mano come uno shoto, la scure è usata con entrambe le mani, simile a una katana. Con la katana, le mani non scivolano sull' impugnatura, poiché è molto più corta. È la lama scivola sul bersaglio.

Maestro di spada contro un robot

Un maestro di spada (Machi Isao 町井勲, *1973) gareggia contro un robot industriale Yaskawa MOTOMAN-MH24 dotato di lama katana. Le prestazioni e la precisione dei tagli si confrontano con il taglio diagonale (袈裟斬り kesagiri), il taglio verso l'alto (斬り上げ kiriage) e il taglio orizzontale (水平斬り suiheikiri).
Per il finale c'è una prova di tenacia con mille tagli (千本斬り senbonkiri).
È un video promozionale di 2015 per il robot industriale. Il maestro Machi pratica lo Iaijutsu, cioè taglia il più velocemente e precisamente possibile con la katana. Nel 2005 ha fondato la sua scuola (修心流居合術兵法 SHŪSHINRYŪ IAIJUTSU HYŌHŌ). Attualmente detiene sei record mondiali Guinness con la katana. Il MOTOMAN-MH24 ha 6 assi ed è ottimamente progettato e programmato.

La spada nell'Aikido

Al tempo del Coronavirus, in cui lavoriamo molto con Bokken e Jo in Aikido, sorge sempre più la domanda a sapere quale senso abbiano gli esercizi con il Bokken. Questa domanda sarà esaminata in futuro.
Un obiettivo importante nella pratica dell'Aikido è non agire come una macchina.
Per quanto riguarda il taglio della legna, si può immaginare un destino simile a quello della spada. In realtà la spada non è più usata, ma a volte, purtroppo alcuni pazzi la usano per aggredire come accadde per esempio nell'agosto 2019 a Stoccarda, quando una persona fu ferita con una katana. Se il riscaldamento con la legna in futuro sarà vietato a causa dei cambiamenti climatici, anche il taglio della legna da ardere sarà superfluo. Invece, si potrebbe/potrà creare un'arte di tagliare la legna per mantenere l'antica tradizione! Quale sarebbe la differenza con il Iaijutsu?


La lama nascosta

Scene da "Kakushi Ken - Oni no Tsume" 隠し剣鬼の爪 2004.
Il film è il secondo di una trilogia di Yōji Yamada. La storia si svolge intorno al 1861, negli ultimi anni dello shogunato. Munezo Katagiri è un samurai di basso rango. Ha perso la moglie e vive in campagna con la giovane figlia. Nel suo clan ci sono macchinazioni nascoste dietro la facciata del codice d'onore dei samurai, che li costringono ad un conflitto mortale con un ex compagno. Munezo Katagiri procede ad un atto finale, in seguito rinuncia al suo status e cambia radicalmente la sua vita.
Il film è una vivida descrizione della situazione alla fine del shogunato, con molti dettagli interessanti.