Trebur Novembre 2019

Seminario con Maurizio Volpe e Bernhard Boll

Arrivo

Dal 22 al 24 novembre 2019 si è tenuto a Trebur (DE) il seminario autunnale con Maurizio Volpe. Maurizio di Novara e Giuliano di Pavia, in Italia, viaggiarono con un'auto ecologica. Poco dopo il confine svizzero presero a bordo Bernhard da Balerna. Nel punto più alto del percorso, ad Airolo (1 175 s.l.m.), la nevicata stava appena cambiando in pioggia, ma a nord della galleria stradale del San Gottardo il tempo era soleggiato. Nonostante venerdì pomeriggio, il viaggio a Trebur è stato calmo e senza grandi ingorghi.
A destinazione, l'Aikidoka di Trebur avevano già sistemato perfettamente i tatami nella palestra della Lindenschule e avevano anche preparato Jo, Bokken e Tanto per tutti i partecipanti. Erano presenti Sven, il fondatore del Dojo Trebur di Anversa, la fotografo della foto di gruppo di Brema e Claudia e Christian di Norimberga.

Training

All'inizio della lezione di venerdì sera, Maurizio ha consegnato il certificato SHODAN a Dieter di Trebur, che aveva superato l'esame lo scorso maggio. Dopo Kenkotaiso e Aikitaiso, Maurizio ha fatto una serie di test di Ki, in parte con Jo e Bokken. Alla fine della lezione ha presentato le tecniche per l'attacco ryokatadori nel taninzugake. Una forma per irimi e un'altra forma per tenshin. Durante il taninzugake nell'esame dovrebbero essere usati circa il 70% di forme di irimi e il 30% di forme di tenshin.
La serata si è conclusa come al solito nel ristorante croato "Eigenheim". Alcuni indulgevano nella specialità locale dell'Assia: il sidro fresco.
Il tema nella prima parte di sabato mattina era tsuzukiwaza 23 (bokkendori). Maurizio ha spiegato le impostazioni e le esecuzioni in modo molto preciso e dettagliato. Sebbene la maggior parte dei partecipanti conoscesse già bene questo tsuzukiwaza, era ovvio che dopo buone spiegazioni, solo le successive pratiche con partner diversi avrebbero messo in evidenza le molte sottigliezze e migliorato l'esecuzione.
Nella seconda parte, Bernhard faceva praticare lo tsuzukiwaza 15 (ushiro ryokatadori), che è anche incluso nel programma del 2° dan.

Foto di gruppo

Sabato pomeriggio

Durante la pausa pranzo, c'era uno spuntino nel vestibolo della palestra. L'Aikidoka di Trebur avevano preparato varie bevande, panini, salsicce, formaggio, ecc. Inoltre, i partecipanti italiani hanno aggiunto due bottiglie del miglior Prosecco. La terza bottiglia è rimasta chiusa perché la maggior parte voleva continuare con una mente chiara.
Nel pomeriggio, Bernhard ha completato prima gli esercizi di ryokatadori e poi ha iniziato con "Jo 2 e Bokken". Nel frattempo, per questa forma è stato sviluppato un certo standard, che è anche documentato in alcuni video (ad esempio, qui su toitsu.de). Spesso, tuttavia, l'idea alla base dei movimenti e delle tecniche necessita di una spiegazione, così come il numero di fermate che dimostreranno le varie possibilità di interazione tra Uke e Nage.
Maurizio ha insegnato le restanti tecniche di Bokkendori nella seconda parte dell'allenamento pomeridiano, in modo che alla fine tutti i partecipanti potessero dimostrare l'intero tsuzukiwaza.
La sera tutti partecipanti si sono incontrate per una cena insieme all'Hotel Restaurant Zum Erker.

Domenica

Ben recuperati, abbiamo continuato domenica mattina con Maurizio. Ha insegnato tsuzukiwaza 28, comunemente noto come "Bokken 2 col partner". A lui piace chiamarlo kumitachi 1, che, tuttavia, può portare a confusione con tsuzukiwaza 29 (kumitachi), che dovrebbe quindi essere conseguentemente chiamato kumitachi 2. In particolare, la sequenza del inizio è molto impegnativa. Quindi è stato molto utile che abbia spiegato esattamente cosa succede lì (shomenuchi e tsuki) e come viene fatto.
La seconda parte fu di nuovo Bernhard, che completò "Jo 2 e Bokken". Alla fine ha mostrato nuovamente con Maurizio i passaggi più difficili, ovvero 3-4 nella prima e nella seconda forma, nonché la fine con 20-21-22. Qui Maurizio propose la sua variante per mettere l'ultimo tsuki a sinistra. Alla fine, tutti hanno presentato questo tsuzukiwaza, in parte in ottima esecuzione. Era ovvio che sia Nage che Uke dovevano aver capito bene le tecniche per essere in grado di esibirsi bene. Dopo l'allenamento, tutti hanno contribuito a riporre i tatami. Poi si sono rafforzati con uno spuntino e il restante Prosecco, prima di ritornare a casa.

Informazioni sul Dojo Trebur sono disponibili nelle pagine del TSV 1886 Trebur: Aikido Trebur

Appendice: struttura del certificato Aikido

Dato che Dieter ha un cognome lungo, il suo certificato mostra come si combinano scritti giapponesi e occidentali. Nell'esempio il nome, la data e la numerazione sono stati modificati.
Il certificato è scritto in Kanji e Katakana da destra a sinistra e dall'alto verso il basso (numerazione rossa).
1 証 (pronuncia: shō) significa certificato
2 右ハ 今般 心身統 一 (migi wa konpan shinshintōitsu) lato destro ora SHINSHINTOITSU
3 合氣道 初段 ヲ (aikidō shodan o) AIKIDO SHODAN
4 印可ス (inkasu) è permesso
5 Data dell'esame
6 Emittente
7 Numero
Anche il nome occidentale "Werner Kaltenburger" è scritto in verticale, ma viene letto da sinistra a destra!
Traduzione libera: la persona nominata sulla destra riceve lo SHIN SHIN TOITSU AIKIDO SHODAN.